logo header alta
blog

Gli smartphone ascoltano?

Hai presente quando parli di un prodotto e poco dopo ti trovi la pubblicità sul tuo telefono?

 
smartphone

Smartphone e applicazioni possono avere la capacità di raccogliere dati audio, ma l’ascolto delle conversazioni degli utenti per scopi di marketing è una questione controversa e spesso circondata da teorie del complotto.

Ecco alcune informazioni importanti da considerare:

Autorizzazioni: Perché un’app o un dispositivo possano accedere al microfono del tuo telefono, di solito è necessario il tuo consenso esplicito attraverso le autorizzazioni dell’app. Tuttavia, alcune app potrebbero ottenere autorizzazioni per il microfono eccessivamente o in modo ingannevole, il che è motivo di preoccupazione per la privacy.

Regolamentazioni sulla privacy: Molte giurisdizioni hanno leggi rigorose sulla privacy che regolamentano la raccolta e l’uso dei dati personali, compresi i dati audio. Queste leggi, come il GDPR in Europa o il CCPA in California, impongono regole severe per garantire la protezione dei dati personali degli utenti.

Teorie del complotto: Le affermazioni secondo cui le aziende ascoltano attivamente le conversazioni degli utenti per scopi di marketing spesso mancano di prove concrete. Molte di queste teorie sono basate su malintesi o cattive interpretazioni di annunci pubblicitari mirati che sembrano troppo coincidenti.

Annunci mirati: Gli annunci mirati possono sembrare inquietanti quando sembrano correlati alle tue conversazioni, ma spesso ciò è dovuto a un’analisi avanzata dei tuoi dati di navigazione e comportamentali online, non necessariamente all’ascolto attivo delle conversazioni.

Misure di sicurezza: Le aziende tecnologiche di solito implementano misure di sicurezza per proteggere la privacy degli utenti e per garantire che i dati audio raccolti vengano utilizzati solo per scopi autorizzati, come il miglioramento dei servizi vocali o l’adattamento degli annunci.

Illusione di Frequenza: nota anche come fenomeno Baader-Meinhof, è un pregiudizio cognitivo secondo cui, dopo aver notato qualcosa per la prima volta, si tende a notarla più spesso, portando a credere che ciò abbia un’elevata frequenza.

E Voi, credete che il vostro cellulare vi ascolti per scopi di marketing?